Skip to Content

Argentario Day 2015

Il sobborgo di Montevaccino ha concluso il 9 maggio 2015 la “Festa del bene comune” (aveva iniziato Villamontagna il 28 marzo) e si può tentare un primo bilancio dell’intera Circoscrizione. Quello definitivo dovrà tener conto anche delle varie iniziative che vengono intraprese spontaneamente come è successo ad esempio sabato 2 maggio, quando una decina di volontari hanno svuotato le canalette della piazza e pulito le scale del Centro Civico di Cognola con il pulivapor, dimostrando che possiamo occuparci del ‘Bene Comune’ tutto l’anno.

Su centodue azioni programmate cinque sono state cancellate e sette rinviate. Tra le novanta azioni portate a termine più della metà (65) sono state progettate e realizzate nei sobborghi di Cognola e Martignano. Da rimarcare che alcuni di questi cantieri sono durati più giorni come ad esempio l’intonacatura e la tinteggiatura, in circa venti punti, della struttura esterna del Centro Civico di Cognola , della rampa e delle scale che portano al garage pubblico. Una cosa similare, anche se meno articolata, è stata attivata all’esterno del Centro Sociale di Martignano. In molti cantieri è stata necessaria la presenza e l’impegno di una decina di volontari per portare a termine quanto previsto. Da evidenziare che sono in leggero aumento le “adozioni dei beni comuni” e che alcune di queste assumono un valore encomiabile in quanto prevedono un impegno settimanale se non addirittura giornaliero. 

Sono state circa quattrocentocinquanta le persone che si sono ritrovate nelle varie piazze alle 8.30 per occuparsi del bene comune. Numeri ragguardevoli e degni di grande attenzione. Se a queste sommiamo gli scolari delle scuole elementari e medie, lodevolmente coinvolti dai loro insegnanti, possiamo comprendere l’impatto che questa manifestazione ha avuto sulla comunità dell’Argentario.

E' giusto rimarcare che sono in aumento le azioni mirate: meno pulizie delle strade e più interventi strutturati, che necessitano di programmazione, materiali, competenze e che lasciano il segno come ad esempio la tinteggiatura del vecchio acquedotto di Cognola da parte del gruppo di giovani TAVIMACOS, la casetta per lo scambio dei libri a Martignano, la carteggiatura e tinteggiatura del parco giochi di Martignano, la sistemazione del monumento ai caduti di Martignano, il grande murales a San Vito realizzato dai ragazzi delle medie Comenius, la sistemazione e la pulizia dell’argine del fiume Fersina, la tinteggiatura della lunga parete delle scuole da parte della consulta giovanile, l’installazione di tabelle in legno, la cartellonistica SAT, la tinteggiatura di sessanta colonne da parte dei giovani Scout, la nuova panchina su Cima Calisio, la pulizia di Rio Saluga nonché una trentina di interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, talvolta complessi, sviluppati in quel di Villamontagna, San Donà, Laste e a Montevaccino.

Un sincero ringraziamento all’Amministrazione che continua a credere in questa iniziativa. Non mi riferisco solo all’Assessore ai lavori pubblici che ha garantito il materiale o al Sindaco che ha sempre sostenuto queste iniziative. Parlo anche dei funzionari, quelli che muovono i gangli della macchina burocratica, e di Dolomiti Energia, che ha messo in campo una piccola macchina organizzativa.
Quest’anno vanno ringraziate anche le diciotto imprese locali che hanno sostenuto questa iniziativa garantendo il pranzo a tutti i volontari, preparato con tanto amore dai circoli anziani di Cognola e Martignano. Questo dato rimarca ancora una volta quanto questa iniziativa affondi le proprie radici nel territorio.

Il ringraziamento assolutamente più importante va dedicato a tutte e a tutti i volontari che da sempre tengono vive le nostre comunità, che durante l'anno assumono impegni e incarichi, spesso senza visibilità. L’autorevole riconoscimento della Fondazione trentina del Volontariato Sociale che ha indicato ‘Argentario Day’ come il progetto di volontariato più innovativo del Trentino nel 2014 testimonia che il volontariato ‘civico’ è destinato a svilupparsi esponenzialmente se non vogliamo rassegnarci a vedere le nostre piazze, parchi e scuole ridotte ad uno stato di abbandono dovuto alla diminuita manutenzione e all’aumento del vandalismo. 

Contro il vandalismo e i comportamenti incivili, quest’anno abbiamo sostenuto un’azione destinata alla promozione della bellezza e dell’educazione civica, stampando in formato A5 e divulgando sui percorsi pedonali oltre duecento disegni dei bambini dell’Argentario. Cinquanta di questi disegni saranno simbolicamente premiati giovedì 4 giugno, durante la festa dell’Istituto Comenius. Lo facciamo perché pensiamo che l’educazione e il recupero del comportamento civico sia la strada maestra da percorrere. E partiamo dai bambini, il nostro futuro.